Percorso d'arte

L'arte del post Concilio

Ruggeri C. sec. XX, Vetrata con colomba

L'antica arte di plasmare lo spazio attraverso la luce e di affidare alle vetrate la forza comunicativa del messaggio qui viene tradotta nella formale mediazione di un linguaggio artistico didascalico dove il programma iconografico attraversa tutto il luogo di culto.

Maggiori informazioni

Vangi G. (1999), Crocifisso

Il Crocifisso fa parte dell'impegnativo intervento dello scultore al presbiterio del Duomo di Padova. E' opera eseguita con lega mista di nichiel, bronzo e oro. La croce è posta dietro la cattedra e accompagna la verticalità dell'insieme absidale. L'artista è giunto alla definizione del crocifisso di Padova dopo circa duecento studi preparatori. E' un Cristo vivo, che sublima la morte e sconfiggendola trasfigura il proprio corpo nella luce del Risorto.

Maggiori informazioni

Amodei Tito (1995 circa), Tabernacolo

La plasticità compositiva di padre Tito, che ha attraversato nella sua attività naturalismo e neoespressionismo, usa materia e luce, anche attraverso la luminosità dell'oro usato per richiamare la funzione irraggiante dell'opera, un tabernacolo per la custodia eucaristica. L'iconografia comunica per sottrazione rispetto agli elementi didascalici, valorizzando la dimensione formale.

Maggiori informazioni

Mangili L. (2000), Candelabro per cero pasquale

Il portacero pasquale insiste su un piede primordiale in bronzo su cui è inserita una lastra variamente lavorata in ottone dorato che evidenzia al suo margine due brevi impugnature atte al suo trasporto. Nel corpo del cero compare l'elemento naturalistico e leggero delle foglie che rimandano ai festoni araldici e neoclassici. Le foglie si staccano elegamente dal corpo del cero e la loro mobilità diventa strumento per segnare il tempo liturgico, l'anno inciso nella cera, in un collegamento con l'antica ritualità dell'offerta.

Maggiori informazioni

Ciminaghi V. (1992), Altare

L'autore si cimenta nella realizzazione di un altare dove, il suo stile goticheggiante, si traduce in una formalità tormentata e scarna delle figure che ne solennizza la plasticità.

Maggiori informazioni

Minguzzi L. (1984-88), Porta bronzea

Minguzzi sceglie una composizione libera che si espande sulla superficie luminosa secondo le necessità del suo dettato con un rilievo quasi in negativo, in una fusione lasciata volutamente slabbrata. A Verona il linguaggio dell'artista si rinnova. Opta per una scansione in formelle (24) di proporzioni classiche dove la straordinaria storia dei due santi, Fermo e Rustico, particolarmente venerati in città, presenta caratteri di rispecchiamento in un modellato più stiacciato e franto che rammenta aspetti dell'ultimo Donatello. Le opere e i giorni dei due santi in vita muovono la fantasia dell'artista che segue la loro epopea fino al riscatto a peso d'oro, da parte dei veronesi, dei loro corpi santi ritrovati in Dalmazia e riportati via mare, a Verona.

Maggiori informazioni

Scorzelli L. sec. XX, Ambone

L'ambone di marmo è decorato nella zona frontale con sculture in bronzo dorato dei quattro Evangelisti con i loro simboli e sui fianchi con il chrismòn. L'autore fu protagonista di un importante ammodernamento dell'arte per la liturgia.

Maggiori informazioni

Annigoni P. (1983), Dipinto murale con Gesù Cristo crocifisso

L'uso dei colori e la didascalicità dell'immagine si caricano di quella nota psicologica che contraddistingue l'opera dell'artista. L'immagine costituisce una nuova forma di ex voto.

Maggiori informazioni

Bruschetti A. (1977), Gesù Cristo crocifisso

L'autore, protagonista del futurismo e del postfuturismo, cerca di coniugare la tradizione figurativa con la spiritualizzazione dell'informale, dove la luce dà le forme alla realtà trasfigurata.

Maggiori informazioni

Ceroli M. sec. XX, Statua di San Michele

L'opera è una rappresentazione scenica di San Michele. Su una pavimentazione prospettica a scacchi bianchi e neri emerge in primo piano la figura di San Michele, sullo sfondo si stagliano edifici prospettici. La figura del santo è stata realizzata in tavole di legno sagomate, il gonnellino è in ferro reticolato mentre il drago morente e il volto del santo sono in lastre di vetro verde. L'artista pone attenzione alla dimensione della figura umana attraverso l'uso del materiale, come accaduto in altri luoghi di culto dove l'iconografia assume dimensioni spaziali.

Maggiori informazioni

Somaini F. (1972), Discesa dello Spirito Santo

Sulla composta fronte a capanna dell'antica chiesa del S. Spirito di Bergamo, Somaini innesta la sua scultura in bronzo in asse sopra la porta d'ingresso. Appoggiata alla irregolare muratura medievale, la Discesa dello Spirito Santo introduce, come avviene nella Pentecoste descritta dai Vangeli, l'irruzione dello Spirito nel mondo. La traccia dinamica di questa discesa rinvia all'effetto da essa provocato, come anche la presenza in veste di colomba, in cui la materia sembra prender forma alla fine della traccia, unisce in un segno forte il senso della visione che la scultura produce. L'immissione attiva del prodursi plastico nella dimensione spaziale è perfettamente analogica all'evento cui attiene senza reciproche forzature artistiche o spirituali, ma piuttosto in uno scambievole potenziamento.

Maggiori informazioni

Biancini A. sec. XX, Scultura S. Marco

I quattro evangelisti appartengono alle opere che costituiscono un vero e proprio percorso iconografico all'interno del luogo di culto. I rilievi aggettanti mettono in dialogo le figure degli evangelisti, riconoscibili dai loro simboli iconografici, con lo spazio antistante: dalle pareti essi si protendono come la forza della loro parola. L'amicizia con papa Paolo VI portò l'autore a diverse committenze monumentali, dove primitivismo e tradizione si fondono nello spirito del primo post concilio.

Maggiori informazioni