News

"Be stories": raccontare i beni ecclesiastici sui social

Il 22 e 23 marzo un seminario alla Domus Pacis, con 20 posti disponibili. Iscrizioni fino al 28 febbraio.

Assisi, dal 22/03/2019 al 23/03/2019

Assisi Assisi

L'Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l'edilizia di culto e il Servizio Nazionale per l'insegnamento della religione cattolica promuovono un Seminario sulla comunicazione: Be Stories. Si terrà ad Assisi presso la Domus Pacis dal 22 al 23 marzo 2019. Sono a disposizione solo 20 posti e sono aperte le candidature.
Il Seminario intende realizzare una performance sull'arte e la comunicazione, offrendo spunti su strumenti e linguaggi del mondo dei giovani e pertanto richiede ai partecipanti familiarità nell'uso dei social, in particolare Instagram, da utilizzare prima, durante e dopo l'evento. Per tale ragione ai partecipanti selezionati verrà richiesta l'apertura o l'utilizzo di un profilo Instagram.
In continuità con il Seminario proposto l'anno scorso, Non siamo di p'Arte, verrà proposta un'esperienza di relazione, utilizzando strumenti e linguaggi dei social.
I profili dei partecipanti saranno individuati sulla base delle specifiche attività di comunicazione tenute per conto dell'istituto culturale di appartenenza - museo, archivio e biblioteca - o dell'Ufficio diocesano dei beni culturali di riferimento.
Sarà inoltre tenuta in considerazione la formazione e la competenza personale del candidato.
Sulla base dei posti disponibili verrà accettata una sola candidatura per Diocesi.
Il seminario non prevede quote d'iscrizione e gli ammessi saranno ospitati in camera doppia dalla cena del 22 al pranzo del 23 marzo. Rimane a carico del partecipante il solo costo del viaggio e di eventuali extra.
Gli interessati dovranno inviare la propria candidatura  entro e non oltre il 28 febbraio 2019 con una mail a info.bce@chiesacattolica.it, allegando un Curriculum vitae sintetico con riferimento alla proposta del Seminario e contenente una breve descrizione delle esperienze di comunicazione e uso dei social più recenti realizzate dall'istituto/ufficio diocesano di provenienza.

POTREBBE INTERESSARTI