News

Il restauro di Santa Vittoria: viaggio nella storia di fede agrigentina

In mostra nella Cattedrale busto reliquiario, dipinti, documenti delle visite pastorali, inventari, atti notarili, martirologi, testi agiografici (1584-1800) 1584-1800

Agrigento - Cattedrale, dal 01/08/2019 dalle 10:00 alle 19:00 al 30/10/2019

Agrigento - Cattedrale Agrigento - Cattedrale

 L'occasione del restauro del busto reliquiario di santa Vittoria, realizzato dall'Opificio delle pietre dure di Firenze, ha permesso una collaborazione integrata tra Ministero dei beni Culturali, Soprintendenza di Agrigento, Museo Diocesano, Archivio Capitolare, Archivio storico diocesano e Biblioteca diocesana del Seminario.

Il restauro conservativo, oltre ad essere un evento importante per la chiesa agrigentina, poiché ridà splendore ad un opera d'arte cinquecentesca di rara bellezza, permette, attraverso lo studio delle fonti, di ricostruire, documentare  e recuperare la storia e il culto di santa Vittoria in Agrigento, riconosciuta come Patrona principale minore della Chiesa Agrigentina, dopo san Gerlando.

Il percorso espositivo, incentrato sulla figura di santa Vittoria e le compagne martiri, si articola attraverso una selezione delle testimonianze storico-artistiche e documentarie più significative, presenti nella diocesi di Agrigento.

Con la presenza di manoscritti (Atti dei Vescovi, Visite Pastorali, Atti notarili), e primi testi a stampa (martirologi e agiografie) la mostra vuole soddisfare le finalità didattico-evocative dell'arte sacra e del Patrimonio degli Istituti culturali (Museo, Archivio e Biblioteca), per far uscire dall'ombra la memoria locale che custodiscono, riconoscendo in essi strumenti di ricerca utili per il rilancio identitario della comunità ecclesiale agrigentina.

In mostra la più antica iconografia pittorica di sant'Orsola e le compagne martiri, proveniente dalla chiesa di san Biagio di Cammarata, realizzato nel 1598, pochi anni dopo l'arrivo delle reliquie a Cammarata, direttamente da Colonia, per volontà del conte Ercole Branciforte (1582), e pochi anni dopo della commissione del busto reliquiario agrigentino di santa Vittoria, per volere del canonico Geronimo Zanghi(1592).  

Oggi la Chiesa agrigentina rinvigorisce la devozione verso i santi locali, protettori della fede cristiana, poiché riconosce in essi il fondamento della propria storia e della propria identità.

Con l'intervento dell'Opificio, che ha attenzionato, con una scientifica e meritoria opera di restauro, il busto reliquiario di santa Vittoria è liberato dall'oblio nel quale era caduto, permettendo non solo il recupero del bene storico-artistico, ma soprattutto il recupero della memoria.



Il manifesto della mostra

QUESTA NEWS È COLLEGATA A

POTREBBE INTERESSARTI