News

Un nuovo percorso dedicato a don Sturzo, nel centenario del Partito Popolare

A cura di Francesco Failla, direttore della Biblioteca Pio XI della Diocesi di Caltagirone, lo racconta attraverso l'"Appello ai Liberi e Forti"

Un nuovo percorso, L' Appello a tutti gli Uomini Liberi e Forti del Servo di Dio Luigi Sturzo, va ad inserirsi nell'area tematica di Beweb.

Il percorso a cura di Francesco Failla, direttore della Biblioteca Pio XI della Diocesi di Caltagirone, in occasione del centesimo anniversario della fondazione del Partito Popolare Italiano, racconta attraverso l'Appello ai Liberi e Forti, la vita di don Luigi Sturzo.

Don Luigi Sturzo (1871-1959) fu sacerdote, politico, poeta, autore di teatro, compositore musicale, pubblicista, sociologo, saggista; introdusse in Sicilia gli ideali dell'Opera dei Congressi e l'istituto delle Casse rurali per combattere l'usura e sostenere l'imprenditorialità.

"La lezione di Sturzo è una lezione di responsabilità umana e cristiana. La sua carità politica e un'eredità preziosa da non perdere e da non disperdere" scrive mons. Calogero Peri, vescovo della Diocesi di Caltagirone che ha indetto per il 2019 un anno di celebrazioni dedicate al sacerdote di Caltagirone Servo di Dio.

Nel percorso, attraverso alcuni episodi della vita di don Sturzo, viene raccontata - anche tramite i suoi scritti - la vocazione sacerdotale e politica, il suo pensiero, gli ideali di un impegno cattolico "cristiano" declinato in democrazia non come espressione di confessionalità ma come "principio di moralità cristiana applicata alla vita pubblica di un Paese".

Vai al percorso

 



QUESTA NEWS È COLLEGATA A

POTREBBE INTERESSARTI