News

Da Nola a Pernosano: sulle tracce di San Felice

Per la festa del vescovo e martire patrono di Nola, una settimana di visite guidate

Nola (NA) - Pernosano (AV), dal 11/11/2018 dalle 17:00 alle 21:00 al 18/11/2018 dalle 17:00 alle 22:00

Nola (NA) - Pernosano (AV) Nola (NA) - Pernosano (AV)

In occasione della festività di San Felice vescovo e martire, patrono della città di Nola, l'ufficio Beni Culturali diocesano, in concerto con l'Associazione Meridies ed il Museo Diocesano, ha organizzato una serie di eventi e di visite guidate alla cattedrale e al sottostante ipogeo dedicato a San Felice. Quest'ultimo, è stato di recente oggetto di indagini archeologiche che hanno messo in luce le strutture di una domus , inglobata poi nelle fabbriche della prima cattedrale di fine V-VI secolo; esso costituisce il luogo per eccellenza della venerazione del proto-vescovo Felice . Gli eventi oltre a visite guidate condotte dai volontari al Museo Diocesano e al sito archeologico di Santa Maria Assunta di Pernosano (AV), dove si custodisce un affresco di San Felice di X secolo, vede anche la realizzazione di una mostra che verrà allestita negli spazi del salone dei Medaglioni del museo, con il coinvolgimento anche dell'Archivio Storico Diocesano.
Infatti, saranno esposti degli inediti sigilli, venuti di recente alla luce, grazie al progetto di schedatura CEIar, promosso dall'ufficio nazionale edilizia di culto e Beni Culturali della Conferenza Episcopale Italiana. Saranno esposti due antichi sigilli dei vescovi Francesco Scaccano ( 1370-1400) e Orlando Orsini (1475-1504), che riproducono in cera le effigi dei santi vescovi nolani Felice e Paolino; ma accanto a questi ilsigillo anulo della regina Giovanna II e quello del re Ladislao, sovrani che rinnovarono le decime al Capitolo cattedrale.
L'iniziativa posta in campo dai due istituti culturali, attraverso l'ufficio diocesano dei Beni Culturali e l'associazione Meridies ha lo scopo di valorizzare il patrimonio culturale diocesano, ma anche di accrescere il numero dei fruitori di esso e di favorire quel connubio indissolubile di arte e di fede.



THIS PIECE OF NEWS IS RELATED TO

YOU MIGHT BE INTERESTED IN