Noticias

Nuove chiese in Italia: chiesa di Gesù Maestro a Racalmuto (AG)

La rubrica che mostra e fa vivere la storia dei nuovi luoghi di culto e delle loro comunità di riferimento

26/01/2022

Nella rubrica Nuove chiese in Italia , inserita nella pagina Beni architettonici del portale BeWeB per mostrare e far vivere la storia dei nuovi luoghi di culto e delle loro comunità di riferimento, è stato pubblicato l'approfondimento sulla chiesa Chiesa di Gesù Maestro in Contrada Piedi di Zichi a Racalmuto (AG).

La quinta edizione dei Progetti Pilota (anno 2008) diventa l'occasione per l'Arcidiocesi di Agrigento di manifestare a livello nazionale l'esigenza di dotare di un nuovo complesso parrocchiale il comune di Racalmuto, un territorio già ricco di edifici di culto (12 chiese di cui un santuario), ma sprovvisto di aree e spazi per lo svolgimento delle attività pastorali. L'ordinario diocesano del tempo mons Carmelo Ferraro (vescovo di Agrigento dal 1988 al 2008) e l'attuale parroco don Diego Martorana avevano delineato tale programma pastorale in un'area già interessata da uno spiccato sviluppo edilizio, potenziato dall'approvazione di un programma costruttivo per l'edilizia economica e popolare (1997) in contrada Piedi di Zichi, a sud-ovest dal centro storico, nella circoscrizione della parrocchia della Madonna del Carmelo. Rispetto a questo processo espansivo, ancora non completo rispetto a quanto previsto dagli strumenti urbanistici, il nuovo complesso parrocchiale doveva divenire il nuovo polo di aggregazione sociale non solo per il comprensorio urbano in fase di sviluppo ma anche per quello storico. Un'opera quindi capace di promuovere una nuova polarità ecclesiale tra le due comunità parrocchiali più popolose di Racalmuto: Madonna del Carmelo e Maria SS Annunziata, quest'ultima con sede presso la chiesa matrice, nel cuore del centro storico. Le due parrocchie, guidate dallo stesso parroco da quasi cinquant'anni, sono un'unica unità pastorale dal 2008.
La nuova chiesa, dopo un complesso processo edilizio durato 13 anni segnato anche da alcune riflessioni sull'impianto liturgico e una revisione delle priorità pastorali nell'ambito della programmazione diocesana, è stata consegnata alla collettività nell'ultima settimana di settembre 2020 con il titolo di Gesù Maestro. Tale scelta deriva da un chiaro orientamento pastorale del parroco che ha avuto in consegna la chiesa e che ha seguito l'iter procedurale fin dai primi passi, ovvero ritrovare nella figura di Cristo un modello educativo, quasi in chiave pedagogica, per le due comunità di riferimento e le future generazioni.

Continua a leggere, vedi i video e le immagini



PODRÍA INTERESARTE