News

La narrazione del patrimonio

L'esperienza del monastero di Santa Rosa

Viterbo, 29/11/2019

Viterbo Viterbo

L'obiettivo di questo contributo è quello di dare conto dei risultati ottenuti attraverso la mostra "Fede e devozione. Le reliquie del monastero di Santa Rosa" che si è tenuta a Viterbo dal 31 agosto al 26 ottobre u.s., organizzata dal Centro Studi Santa Rosa da Viterbo Onlus, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio, la Soprintendenza Archivistica e Bibliografica del Lazio, l'Università della Tuscia e l'Università di St Andrews (UK).
Nella mostra, allestita nella Sala Capitolare e nel Refettorio Antico del Monastero, sono state esposte centinaia di reliquie conservate nel monastero. L'esposizione si è distinta per la ricchezza e le caratteristiche delle reliquie esibite, tutte corredate dai documenti di autenticità dei reperti. La mostra, visitata da oltre 30.000 persone, ha rafforzato quel legame che da sempre esiste tra la città di Viterbo e il monastero di Santa Rosa con la chiesa annessa (complesso dichiarato monumento nazionale il 23 settembre 1926), meta di pellegrinaggi almeno dal XV secolo. Lo scopo di questo contributo è quello di mostrare quali sono le azioni di tutela operate sulle reliquie conservate negli archivi della Federazione delle Clarisse Urbaniste (catalogazione, messa in sicurezza, restauro); come le reliquie siano state valorizzate al fine di ottenere una narrazione per il grande pubblico; quali sono stati gli strumenti utilizzati e quali le risorse disponibili (umane ed economiche) per conseguire tale risultato.


A cura di  Lucia Malvinni

QUESTA NEWS È COLLEGATA A

POTREBBE INTERESSARTI