News

I monaci cistercensi e gli Agnus Dei di cera

Archivio della Congregazione cistercense di San Bernardo in Italia (Milano), 19/01/2021

Si chiamano Agnus Dei e sono dei piccoli medaglioni di cera sui quali da un lato è impressa l'immagine dell'agnello pasquale e dall'altro l'effigie di un santo.
Gli Agnus Dei venivano benedetti dal pontefice nella settimana dopo Pasqua, nel primo e settimo anno del suo pontificato. Le cere venivano poi distribuite ai fedeli, antica memoria della distribuzione di pezzi del cero pasquale.
I monaci riformati di San Bernardo (detti Foglianti) residenti nel monastero di Santa Pudenziana e San Bernardo alle Terme a Roma, ottennero da papa Clemente VIII nel 1599, e poi in forma definitiva da papa Paolo V nel 1608, l'incarico in esclusiva ed in perpetuo di preparare gli Agnus Dei con la cera e gli stampi forniti dal Palazzo Apostolico. Estinta la Congregazione Fogliante nel 1802 ed aggregata alla Congregazione Cistercense di San Bernardo in Italia, il privilegio passò al monastero di Santa Croce di Gerusalemme di Roma che lo tenne vivo fino al Concilio Vaticano II quando il rito cadde in disuso.
L'Archivio della Congregazione Cistercense di San Bernardo in Italia conserva numerosi esemplari di Agnus Dei perlopiù prodotti tra XIX e XX secolo.
PER SAPERNE DI PIU'


QUESTA NEWS È COLLEGATA A

POTREBBE INTERESSARTI